Palmipedone #133 —Di Maledizioni e di Epitaffi—

Standard

A proposito di Pietro Aretino, di cui si scriveva qui, ma non a proposito delle sue opere (i sonetti lussuriosi, se proprio volete, ve li andate a leggere altrove a vostro rischio e pericolo, anzi scusate un attimo, visto che ci sono c’ho da lanciare delle maledizioni: dannato Google, perché mi mandi gli zozzi? E voi, brutti zozzoni che non siete altro, questo è un blog serio, di classe, qua NON ci stanno le cose zozze che cercate voi, quindi sciò, pussavia, fuori di qui. E, uscendo, non toccate niente, chissà che c’avete fatto co’ quelle mani), dicevo, a proposito di Pietro Aretino, anzi più precisamente a proposito del suo irriverente epitaffio, pensavo che sarebbe bello se anch’io componessi in anticipo un epitaffio (magari irriverente) da trascrivere sulla mia pietra tombale quando sarà arrivato il momento di rinchiudermi in un buio loculo (per le cui specifiche esistono già custodi delle mie volontà, spero che se ne ricordino, per cui evito di ammorbarvi oltre su posizione, esposizione eccetera), più in là possibile, ovvio, ma Magò me lo dice sempre Memento mori, ricordati che devi morire, io me lo ricordo e ogni tanto ci penso. Dunque, dicevo della mia idea di comporre un epitaffio: la mia vena poetica è stata tuttavia interamente prosciugata dalla composizione Storia di un Lecca Lecca, non c’è rimasta nemmeno una goccia di ispirazione filastroccosa in me, e da una parte menomale. Quindi, in attesa di un nuovo forte dolore portatore sano di ispirazione e rime a garganella, avevo pensato una cosa un po’ autocelebrativa (almeno da morta lasciate che io lo sia), che poi però ho trovato già fatta sul uèb, quindi misà tanto che non è così originale come mi credevo…
Naturalmente non così grande, sia chiaro, una versione piccolina, da scolpirsi in basso a destra.
Al centro, sotto la foto (una bella, mi raccomando), ci andrà l’epitaffio. Sperando che me ne venga in mente uno prima di tirar le cuoia.

Annunci

»

    • No, proprio inside nel senso di “dentro al loculo”. Se poi, per caso, dovesse avverarsi il mio sogno di essere sepolta in terra potremmo anche risparmiarci il simpatico simbolo nerd e limitarci all’epitaffio.
      Ah, dimenticavo, ho una nuova passione. Le sculture cimiteriali. Ne voglio una tipo questa, in modo che, annerendosi e ricoprendosi di muschio ed edera col passare dei secoli, possa suscitare inquietudine nel cuore del tristo visitator.

  1. Io farò mettere un pomello sulla lapide con il cartellino degli alberghi … sai quello della colazione? Così quando risorgo la prima cosa che farò sarà colazione! Avevo pensato anche ad appenderci una cravatta ma in due in una bara staremmo stretti e a me piace avere spazio… alla fine è sempre meglio optare per il classico “Cazzo guardi?” sotto fotto di defunto furente.. non è normale che questo tema mi stuzzichi così tanto la fantasia vero?
    Ps
    anche Pac-man che insegue il fantasmino e sotto scritto “io e Mr wakawaka” non è male…

    • Beh, è normalissimo invece (non vorrei autodefinirmi una pazza, io ci ho scritto un intero post, anzi mezzo)…
      Tra tutte le idee, poi, la migliore è quella della cravatta, chi irriverente vuole apparire, lo scarso spazio deve soffrire.

      [“fotto di defunto furente”, questi sono i postumi della lettura dei sonetti lussuriosi. Tana per Idoneità Marrone… 😉 ]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...