Palmipedone #80 — Dormi sepolta in un campo di guano* —

Standard

Quello di grano è troppo poetico, e sinceramente, data la scarsa poesia della mia esistenza, non credo proprio di  meritarmelo un eterno riposo di lusso. No no.

Io ci provo ad essere ottimista, ad aggirare il nero baratro esistenziale che puntualmente mi si apre davanti mentre cammino nella valle delle ombre (perché, mi avevano detto, la felicità passa per la sofferenza, quindi fra la strada buia e quella con gli uccellini cinguettanti mai scegliere quest’ultima, potrebbe essere una trappola, mi avevano detto), io ci provo ad evitarlo, dicevo, ma puntualmente ci casco dentro. Tutte le volte. E là in fondo l’ottimismo posso anche darmelo sui denti, perché sarà anche il profumo della vita, ma il guano bagnato ha un odore più forte, non so se avete presente piazza dei Cinquecento dopo un temporale, quell’odore che ve lo sentite nel naso, nella gola, nel cervello, vi viene abbastanza da vomitare? Allora avete capito. Quello. E laggiù ce n’è in abbondanza.

A questo punto, onde evitare di fare sempre la solita puzzolente fine (visto che un nuovo baratro si è aperto a due passi da me), si prospettano due possibilità. Uno: potrei sedermi sull’orlo del precipizio ed aspettare, dondolando i piedi, che qualcuno venga a salvarmi, ma credo che attenderei invano perché è già da un po’ che lancio razzi segnalatori puntualmente scambiati per fuochi d’artificio. Inutili. Due: potrei fare una pernacchia all’abisso, voltargli le spalle e tornare indietro alla ricerca di qualcuno che mi aiuti a scegliere una strada migliore di quella che mi ostino a percorrere da sola visto che, pare, fa cagare. Rimandando il guano a data da destinarsi, alla sepoltura, magari. Tanto chissenfrega, mica li sentono gli odori i morti.

E la vita è troppo breve per sopportare di passarla da soli in mezzo alla puzza.

*Grazie a Maga Magò per il titolo. Magnifico.

Annunci

»

  1. Pingback: Palmipedone #118 —20 regole per scrivere un Blues*— « "Non calpestare i Palmipedoni"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...