Palmipedone #24 —(Prolisso) Ilapensiero: L’arte del nascondersi—

Standard

C’è un punto, nel film di Mary Poppins (avessi il divvidì vi direi anche i mm:ss esatti, ma il progetto di digitalizzare le vecchie cassette mi richiederebbe più tempo di quello che mi rimane ancora da vivere, e ho deciso di non intraprenderlo affatto) in cui la baby sitter che tutti noi avremmo voluto avere dice ai tonti bambini di cui si occupa che, talvolta, alcune persone non vedono aldilà del proprio naso (e lo fa riferendosi al padre dei suddetti baccalà, il quale, recandosi in banca tutti i giorni non vede, pur incrociandola sul proprio cammino, la vecchietta che dà da mangiare ai piccioni -paragonabile per utilità ad una allevatrice di topi pestiferi, ma questa è un’altra storia-).

Da bambina non è che avessi compreso al cento per cento l’espressione vedere aldilà del proprio naso. Immaginavo persone con un naso molto lungo che, tentando di guardare verso sinistra con l’occhio destro e viceversa, non riuscissero a scorgervi nulla se non il proprio naso, talmente imponente da somigliare alla leopardiana siepe che da tanta parte il guardo esclude. Non mi sembrava una spiegazione molto valida per giustificare l’invisibilità della vecchiaccia per il signor Banks (uh, toh, Banks-banca, me ne accorgo solo ora), ma, sapete com’è, da bambini si tende a farsene una ragione ed io non ero una di quelli che si sfiatano a forza  di perché: mi facevo un sacco di domande e mi davo altrettante risposte. Sceme. E sono così, marzulliana, a tutt’oggi, risposte sceme incluse.

Comunque, ora che sono cresciuta (e, ahimè, è cresciuto anche il mio naso, non come avrei voluto), a forza di autodomande ed autorisposte, credo di aver compreso appieno il significato dell’espressione e penso addirittura di poterne estendere la validità da alcune a molte persone.

Da tutto questo contorto ragionare discende, con un ragionamento che molto contorto non è (e per questo non lo scrivo) la verità assoluta del giorno:

Se non volete essere trovati NON nascondetevi troppo bene,

e poiché è una verità assoluta, vale per qualsiasi campo, che sia il gioco o la vita reale. Un paio di esempi:

1. Nascondino:

Giocavamo a nascondino in palestra, il venerdì, quando eravamo troppo poche per la classica partitella sei-contro-sei. Ed era particolarmente divertente, considerando che ci allenavamo nella palestra di una scuola, una succursale ormai non più utilizzata, con le aule buie, polverose, fatte apposta per nascondersi (era bellissimo quell’avventurarsi fra oggetti abbandonati, aveva quel non so che di misterioso, almeno fino a quando non se ne accorse il custode e ci fece un c*** così).

Bene, una volta, attardatami troppo alla ricerca di un nascondiglio, ormai agli sgoccioli, decisi di rimediare con un rifugio di fortuna rintanandomi fra un vecchio materassino e l’angolo non di una buia aula, ma dell’illuminatissima palestra, a due passi dalla tana. Nessuno pensò di cercarmi di lì, nessuno mi vide, nemmeno per sbaglio. Feci tana libera tutti.

2. Rapporti interpersonali:

Non mi è mai piaciuto che le persone sapessero troppo di me. E infatti la maggior parte di quelle che conosco, anche quelle che reputo amiche, qualcosa sanno, ma non molto. Eppure non mi nascondo, lascio una montagna di bricioline lungo il percorso, come Pollicino, ma succede più spesso che le mangino i piccioni (quelli della vecchia del film) che qualcuno le trovi e le segua , trovandomi. Se siete arrivati a questo blog cliccando sul poco appariscente collegamento nel mio profilo del faccialibro è il vostro caso (e congratulazioni, perché siete fra i primi); altrimenti siete dei piccioni (senza offesa).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...